Menu

ILMAONLINE.EU

Marie Kuijken
Musica d'assieme
(assistente di S. Kuijken )

Mauro Valli

 

 

Curriculum

 

P

ianista e soprano, attrice e declamatrice: Marie Kuijken è un'artista dalle molteplici espressioni. Membro della seconda generazione della famiglia musicale Kuijken (figlia di Sigiswald Kuijken, violinista e direttore della famosa orchestra barocca La Petite Bande), ha studiato al Conservatorio di Bruxelles dove ha ottenuto diplomi in pianoforte, musica da camera, accompagnamento del lied e armonia.
Contemporaneamente ha effettuato studi di canto, con L. Devos, M. Honig e L.  Lootens.
Come pianista si è specializzata da autodidatta nel fortepiano mozartiano: suona spesso una copia di un fortepiano di Johann Andreas Stein, il costruttore di strumenti da tastiera che Mozart ha conosciuto personalmente e di cui amava particolarmente i fortepiani.
Si esibisce spesso su questo strumento, da solista o in ensemble di musica da camera con Sigiswald Kuijken o Veronica Kuijken, sua sorella pianista e violinista. Nel 2011 è apparso un cd nella casa editrice
Challenge, sul quale Marie Kuijken interpreta sonate di Mozart per quattro mani e due fortepiani, insieme a sua sorella Veronica, utilizzando due strumenti copie di Stein. Questa registrazione è stata accolta molto positivamente dalla critica internazionale. Marie Kuijken si esibisce regolarmente anche sul pianoforte moderno, eseguendo musica da camera o accompagnando cantanti in recital.
Come soprano, Marie Kuijken è attiva soprattutto nel repertorio barocco e classico e nel Lied. Spesso collabora con l'orchestra barocca La Petite Bande. Con questo ensemble la si puo' ascoltare in registrazioni, tra le altre, dei Vespri di Maria  di Monteverdi, le due Passioni  ed i Motetti di J.S.Bach, in versioni  a voci reali (una persona a voce, senza utilizzo di coro) e come Papagena nel Flauto Magico di Mozart. Nel genere del Lied, Marie Kuijken coltiva interesse speciale negli albori del Lied, accompagnato dal fortepiano. Anche in formazioni di musica da camera Marie Kuijken si esibisce regolarmente, per esempio con l'ensemble barocco Il Fabbro Armonioso (soprano, oboe e clavicembalo).
Marie Kuijken ha svolto uno studio autonomo riscoprendo l'arte della declamazione nel 18esimo secolo, specificamente nell'area di lingua tedesca. Il risultato di questo studio lo ha messo in pratica multiple volte nei cosidetti melodrammi. Questa forma musicale dà luogo ad un insieme molto affascinante attraverso la combinazione della parola recitata (declamata) e la musica. Cosi ha recitato il ruolo titolo nel melodramma con orchestra Ariadne auf Naxos di Georg Benda, e ha eseguito Enoch Arden di Richard Strauss e diverse ballade in forma melodrammatica di Robert Schumann, per voce recitante e pianoforte.
Marie Kuijken ha sviluppato un interesse speciale alle pratiche di teatro e opera lirica nel 18esimo secolo. Usando fonti originali, ha studiato l'arte dello stare in scena secondo lo stile, le regole e le usanze dell'epoca. Come cantante-attrice, nel corso degli anni ha collaborato a molte produzioni in questo spirito, tra le quali alcuni intermezzi buffi sotto la direzione di Béatrice Cramoix (La serva padrona di Gian Battista Pergolesi, La furba e lo sciocco di Domenico Sarro en La vedova ingegnosa di Giuseppe Sellitto). Dal 2012 dà masterclasses a cantanti sulla pratica storica dell'azione in scena, e ha messo in scena La Canterina e L'isola disabitata, opere di Joseph Haydn.
Nel settembre 2013 ha suonato un concerto di Mozart per fortepiano ed
orchestra con La Petite Bande; la registrazione è prevista per il 2015. Sempre nel 2015 ci sarà una produzione dell'opera buffa La Canterina di Joseph Haydn, con regia in stile settecentesco di Marie Kuijken.  Come soprano, nel futuro prossimo presterà la sua collaborazione in produzioni quali le Passioni di Bach (tournée anche in Giappone), Schutz Esequien e Weihnachtshistorie, e recital di Lieder di Hugo Wolf con accompagnamento del pianoforte

 

Marie Kuijken ed i corsi dell'ILMA

Marie Kuijken si è unita al corpo docente dell'ILMA a partire dal 2014.

 

 

 

torna su

 

«Il profumo della bellezza, ovunque essa si trovi»

 

ventennale